Feed RSS

Prontuario illogico di allocuzioni siracusane in traduzione italiana (work in progress).

Inserito il

Chiu megghiu ci nn’ama munuzzato ei papere = Ne abbiamo scartate di migliori.

Scrivilu no muru e u scancelli ch’ei spaddi= rivolgersi a recupero crediti

Scrivitillu no ghiacciu= non intendo onorare il debito

U signuruzzu t’u paia = la tua prestazione merita ben altra ricompensa, dunque non te ne offrirò alcuna

Spara a cu visti e ‘nzetta a cu nun visti = eterogenesi dei fini/serendipità

Comu a chiddu ca c’ha visti a sa soru= iniziale entusiasmo cui segue immediata delusione

Tu si ca sì n’ominu, no ta soru= in un mondo falso, tu sei vero.

Nun c’abbabbiare c’a paesanella= reverenziale timore fallocratico.

Le cose giuste= dare a Cesare quel che è di Cesare.

Fattilla ‘nfilare ri ‘n monacu (talvolta: ‘n niurusuddu, ca quannu tu rici “ahi!”, iddu capisci “dai!”= possano le tue suppliche rimanere inascoltate.

A chiacchiera è bella, però a patruna ‘ra casa (talvolta: a putiarauole i soddi= a voler scendere nel concreto/bando alle ciance

Va bene c’ha chiovere, ma no c’ha sdilluviare= gli eccessi sono da combattere

Sita! (Ca è megghiu ‘ra lana) = povero illuso

Ma tu u sai cu sù i chistiani?= non è questo il modo di rivolgersi/lei non sa chi sono io!

Calacausi= lassativo

Sucanchiostro= impiegato di concetto

Strazzacatte= burocrate

‘ncrasciato= si imbottiscono panini alla piastra

Cu ci sputa u ‘rrifrisca= fisicamente poco prestante/indigente (di pecunia)/talvolta: igiene personale carente

Pari a signa ill’opera= fenomeno da baraccone

Pari a scimmia ‘i Tazzan= spiacevoli fattezze

‘O viri cu t’a sbrinzìa= aspergere al fine di meglio conservare (Sessuale,metaforico: ti urge copulare, al fine di recuperare la lucidità di cui al momento le tue affermazioni lasciano dubitare)

Nun cinn’è patatine= ciò che chiedi è inottenibile/bando al superfluo

Ju vivu e tu t’ampriachi= alterazione del nesso causa-effetto

Cane ca nun canusci patruni= indipendenza confinante con ingratitudine

Iaiu i peri comu u pisci l’ovu= gonfiore alle estremità inferiori

Iaiu a ucca comu u lippu= arsura da maldigesto

Chiuri ‘ssa potta ca trasi ‘n velenu= meglio non esporre il corpo alle intemperie

Ma chistu friddu!= temperatura rigida

Menza parola= comunicazione telepatica

Parra picca= tienilo per te

Nun mi fari parrare assai= cessa ogni provocazione nei miei confronti

Nun mi fari sbagghiari a parrare= aiutami a praticare la temperanza verbale

Mancu tu mi sta parennu= torna in te, ti prego

Co’ culu ill’autri semu tutti aricchiuni= si fa presto a parlare

Catta ca passa e gghiucaturi ca s’a fissìa= difetta di prontezza/manca di decisionismo

Ma figghiu  iè ‘n cunnutellu= ho generato una prole vivace

Sape bella! (talvolta: Bella sape!) = di gusto squisito

Scunchiurutu= aporetico

T’anzignu a ‘rucazione =sappiti comportare

Quannu siti raccussì, v’ata stari ei casi= se non amate divertirvi, non è la vostra serata.

Nun siti cosa ri iri iennu= mancate dell’attitudine al viaggio

Fai zoccu vuoi= rietiniti libero

Ma t’ha vistutu o ‘scuru? = capo di dubbio gusto

Pari ‘na riula= capo variopinto

Sauta a jatta= l’imprevisto è dietro l’angolo

Iancu è u sale=  come ampiamente preventivato

Finemula cu tuttu ‘stu buddellu= disturbo della quiete pubblica

Manciari a badìa e futtere o cunventu= opportunista, trae vantaggio da ogni situazione

Viri ddocu= fai attenzione

Viri zoccu ha fari= sappiti regolare

Fozza ddocu: coraggio ed entusiasmo nell’intrapresa

A rumpiri= senza alcuna precauzione

Tiramu ‘na fotografea: ritratto/dagherrotipo

Annachiti a cura= sii più solerte

Aiutiti= datti una mossa

Fa trasiri u sceccu pa’ cura= abile sofista

A mancanza ‘ro chiffari= dispone di tempo libero/pratica un hobby

Travagghiu nun ni manci mancu a broru= Per estensione o antonomasia: impiegato pubblico. In ditta o azienda impresa privata: gergo per operaio/ sottoposto.

E comu fu ‘na risgrazia…= contrattempo ascrivibile  a pura fatalità.

E comu fu, ie comu nun fu…=  per farla breve

Risgraziato/Disgraziato/’sgraziato= poco di buoo/screanzato

Sdisonesto= contrario alla pubblica morale

Chiu scuru i menzannotte nun po’ fari: niente da perdere

Pani ruru e cuteddu ca nun tagghia: coppia male assortita/l’uno vanifica lo sforzo dell’altro

Nun cinn’erunu scecchi a’ fera?= hai volutamente inteso precluderti migliori opportunità

Ti pari ca vegnu i mietere?=  meno ingenuo di quanto si ritenga

Ti pari ca munnu nespole? = ho il mio bel da fare

E uora n’a minamu= notizia irrilevante

E uora n’a tagghiamu= notizia ininfluente

E tanti coppa i trumma= notizia superflua

Finiu u scaccia e mancia= non è più tempo di vacche grasse

Nunn’ave abbentu= irrequieto/argento vivo addosso

Zanno/a= di etnia rom/gitano

Sù bbene a motti mancu u trova= trascorre poco tempo in casa

A casa ci fete/vi fetunu i casi= predilige l’aria aperta

Nunn’aviti letta ca vi chiamunu?= insonni/amano fare le ore piccole

U fattu nunn’è chissu: si è usciti  fuori tema/ la causa è differente

U pilu, u piliddu e u mastru c’o chiantò= perdersi in dettagli

Niente ci fa= inezia che non influisce sulla situazione pre-esistente

Che ci fa?= novità che non influisce sulla situazione pre-esistente

Cu iè? = pronto, chi parla?

Rapemu ssu puttune! = sono passato a trovarti

Ma unni vai c’o sciccareddu? = non disponi di mezzi adeguati all’impresa

Sceccu potta e sceccu mancia= ma non è di giovamento ad altri che a se stesso

Manch’i ponti passi= non andrai lontano

U pacchiu è duci, a minchia ietta uci/U pacchiu è bellu, a minchia fa buddellu= se la compagnia è quella giusta, il divertimento è assicurato.

La qualunque= ogni varietà presente in commercio

La qualsiasi= ogni varietà presente in natura

Tutte cose= letterale: la totalità degli oggetti/Spesso: la totalità degli oggetti, della flora, della fauna e dell’umanità/Frequente: la totalità dei fatti.

C’ha diri c’o trasi e nesci=  la diplomazia potrebbe esserti di molto vantaggio

Ama arrivatu unn’è c’aumu gghiri= si è raggiunto il limite/toccato il fondo

Pare male= non sta bene/non è contegno educato

Mutu a cu sape u jocu= guai a svelare il trucco

Custa quantu a Gimmania= costo insostenibile

Caravigghiaru: esoso

Hai a lupa= appettito pantagruelico/destinato all’obesità

»

  1. icittadiniprimaditutto
  2. Nun ni mittemu a convessazione chè puttunari — non perdiamoci in chiacchere inutili

    Rispondi
  3. Ammuttari u fumu ca sdanga – (Letterale Spingere il fumo con un bastone) Lavoro inutile e infruttuoso che non porta ad alcun risultato

    Rispondi
  4. alexander nevski

    a trittubba…

    Rispondi
  5. surra, ca iè megghiu ra tunnina (letterale: la parte grassa del tonno è molto piu saporita del filetto ) intercalare adoperato, quando si ascoltano fandonie ripetutamente.

    Rispondi
    • Siracusanamente SURRA sta a significare “silenzio” e difatti la surra è la parte della pancia del tonno, quindi SURRA tienilo in stomaco, non dir nulla che il non parlare è meglio del dire – tunnina …

      Rispondi
  6. Si chiù cunnutu tu.. ‘ca ‘mpanaru ri crastuna (letteralmente: sei più cornuto tu di un paniere ricolmo di lumache) = Ne sai una più del diavolo!

    Rispondi
  7. a minchia ndo culu i l’autri è nfilu i pagghia… = si è insensibili a ciò che non ci tocca personalmente
    megghiu i chissi ama ittatu
    t’ana manciari i cani ra sta stazioni
    a chi n’auna ratu a sabbari?

    Rispondi
  8. nun ti meriti mancu l’acqua ludda ca si jetta: non sei degno di nulla

    Rispondi
  9. tinchi…tinchi….: inaspettatamente

    Rispondi
  10. tisa tisa comu a zita i Raula (tesa tesa come la fidanzata di Avola): molto impacciata, visibilmente a disagio.

    Rispondi
  11. Tri pila avi u poccu, u poccu avi tri pila! / Tre peli ha il maiale, il maiale ha tre peli! = Puoi dirlo come vuoi ma il significato è sempre lo stesso

    N’ha manciari pani…= Ne hai di esperienza da fare ancora…

    Rispondi
  12. u jonnu nunni vogghiu e a sira spaddu l’ogghiu = di giorno non alzo un dito e la sera faccio sprechi

    Rispondi
  13. Peppe Rossitto

    e tiritinchiti= te l’ho già detto, ma ora te lo ribadisco.

    Rispondi
  14. Peppe Rossitto

    Piccatu a spisa= investire su di te è stato infruttuoso.

    Rispondi
  15. Peppe Rossitto

    pessu ra casa=perditempo senza arte ne parte.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: